E’ disponibile la banca dati SCIP sulle sostanze problematiche

Anima Confindustria ricorda che da oggi, 14 settembre 2021, sarà possibile accedere ai dati della prima banca dati pubblica dell’UE di sostanze estremamente problematiche nei prodotti, SCIP, utile a rendere edotti i consumatori nelle scelte di acquisto e aiutare gli operatori dei rifiuti a sviluppare ulteriormente il riutilizzo degli articoli e il riciclaggio dei materiali.

In base alla direttiva quadro sui rifiuti dell’UE, rivista nel 2018, a partire dal 5 gennaio di quest’anno le aziende che forniscono articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) per più dello 0,1% in peso su peso devono notificarle all’ECHA.

Le notifiche vengono archiviate nel database delle sostanze problematiche nei prodotti (SCIP), che garantisce che le informazioni siano pubblicamente disponibili durante l’intero ciclo di vita dei prodotti e dei materiali, inclusa la fase di rifiuto.

Leggi il documento originale su: Banca dati SCIP: è online la piattaforma di divulgazione dei dati.