L’Uruguay teme l’arrivo di una quarta ondata Covid

Secondo il Ministro argentino della Sanità pubblica, Carla Vizzotti, il Paese potrebbe essere vicino ad una quarta ondata di Covid-19, diversa rispetto alle precedenti. L’annuncio arriva 15 giorni dopo l’aumento dei casi, quasi identico a quello dell’Uruguay, che pubblicherà a breve un nuovo rapporto settimanale sui dati relativi alla diffusione del virus.

Il rapporto di una settimana fa ha registrato 5.549 nuovi casi di coronavirus, mentre quello precedente ne contava 2.830. L’aumento è del 96%, ed è da tenere sotto controllo: se il numero di casi continua a raddoppiare allo stesso ritmo – ha dichiarato Catalina Pírez, pediatra e specialista in malattie infettive – potrebbe già essere classificata come un’ondata, anche se ora è troppo presto per farlo”.

Rispetto alle precedenti ondate, l’impatto del Covid sul sistema sanitario oggi è quasi nullo. In Uruguay la prima ondata è arrivata in ritardo, quasi un anno dopo il resto del mondo. La seconda è arrivata a dicembre con omicron, mentre con delta non si è verificata.

Occorre continuare ad essere vigili – suggerisce Henry Albornoz, infettivologo e consulente dell’MSP. Infatti – ha proseguito – c’è grande difficoltà a confrontare i dati, soprattutto a causa del minor numero di tamponi rispetto a quelli fatti in passato.

Leggi il documento originale su: URUGUAY: PROBABILE QUARTA ONDATA COVID NEL PAESE